Il Progetto

Lumino nasce dall’esigenza di esprimere conforto e vicinanza reciproca a noi italiani, attualmente divisi ciascuno nella propria casa. Vicinanza e affetto per i caduti, per i loro familiari e per coloro che rischiano la loro vita per salvare quella degli altri.

Mi chiamo Edoardo, ho 20 anni e sono uno studente di Fisica della Statale di Milano. Con il prezioso aiuto del mio amico Giorgio Gorini e di mio fratello Lorenzo, ho aperto questo portale web.

L’idea è nata quando siamo venuti a conoscenza della campagna che Francesca Penna sta portando avanti fin dall’inizio di questo capitolo storico. Francesca si sta battendo per un bisogno umano primario: quello di non sospendere le funzioni funebri.
Intervistandola abbiamo scoperto che la sua campagna non è solo una protesta, ma una urgente esigenza umana di trovare una dimensione consona all’espressione di quell’affetto che improvvisamente non può più ottenere risposta.
Un vuoto che lascia vibrare le nostre coscienze di un suono che ha bisogno di essere ascoltato, di una luce che ha bisogno di essere osservata.

Lumino vuole allora essere la luce silenziosa che permette di percorre la strada di quella memoria che non può andare perduta.

Sono una ragazza di 20 anni, laureanda in Scienze e tecniche psicologiche all’università Cattolica di Milano.

Il mio impegno nasce dalla radicata convinzione che in questo momento abbiamo due compiti come cittadini: prima di tutto di obbedire alle leggi, in secondo luogo di non smettere di ragionale su ciò che ci circonda, né di aver cura dell’umanità della persona nella sua fragilità.

Francesca Penna

Contatti

Vuoi iscriverti alla community?